Percorsi Evolutivi - Associazione per la promozione dell'autonomia nello sviluppo personale

06 92957691 info@percorsievolutivi.org Lavora con noi

Sai che cos’è l’indennità di frequenza ?  

La Legge n. 289 del 11 ottobre 1990 dispone che ogni persona minore di anni 18 con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età ha diritto, per il ricorso continuo o anche periodico a trattamenti riabilitativi o terapeutici, ad un’indennità di frequenza pari per il 2021 l’importo è di 287,09 euro mensili.

La domanda, corredata da idonea documentazione medica, deve essere presentata all’I.N.P.S. telematicamente mediante registrazione da effettuare nel portale  ove peraltro è facile rinvenire tutti i requisiti necessari per ottenere la predetta indennità di frequenza.

Come presentare la domanda:

La prima cosa da fare è recarsi dal proprio medico curante per ottenere un certificato medico specifico per la richiesta dell’indennità di frequenza che verrà inoltrato direttamente in via telematica dal medico stesso all’I.N.P.S.. A quel punto, dopo esserti registrato presso il sito dell’ente ed avere ottenuto il Pin identificativo, potrai presentare la domanda.

L’I.N.P.S. effettuerà delle verifiche per constatare la presenza dei requisiti volti ad ottenere l’indennità.

Cosa fare se la tua domanda viene rifiutata?

Se hai presentato la domanda di indennità di frequenza per DSA  all’I.N.P.S. ed hai ricevuto un diniego puoi richiedere con un ricorso un accertamento preventivo obbligatorio dinanzi al Tribunale ove risiedi.

Il procedimento è semplice e veloce

Il Giudice nominerà un consulente per verificare la presenza dei requisiti sanitari legittimanti la richiesta di indennità. Terminata la consulenza il Tribunale potrà omologare l’accertamento sanitario ed all’ente competente non resterà che corrispondere direttamente l’indennità al beneficiario entro 120 giorni.